Associazione Donne Romene in Italia – A.D.R.I.

Associazione Donne Romene in Italia – A.D.R.I.

Gli stranieri in Italia producono ricchezza. Lo dicono i numeri

Una ricerca della Fondazione Leone Moressa smonta, ancora una volta, uno dei più diffusi luoghi comuni sugli immigrati

399386_285801314810678_784557407_n

È di 3,9 miliardi di euro la differenza positiva tra le spese e le entrate che hanno come matrice la presenza di stranieri in Italia. È quanto emerge dalla ricerca “Il valore dell’immigrazione”, portata avanti dalla Fondazione Leone Moressa con il sostegno di Open Society Foundations.

Come riporta Francesca Bellino su ANSAmed citando i dati della ricerca, “gli stranieri in Italia producono l’8,8% della ricchezza nazionale, per una cifra complessiva di oltre 123 miliardi di euro”.  “L’immigrazione è un fattore strutturale della società italiana, non emergenziale, né marginale. E soprattutto non è un problema, anzi è un business”, ha commentato Enrico Di Pasquale, ricercatore della Fondazione Moressa. “L’obiettivo del volume da noi realizzato è stato quello di confrontare l’immagine dell’immigrazione trasmessa dalla stampa all’opinione pubblica con quella reale e offrire una fotografia quanto più realistica possibile”, ha aggiunto Di Pasquale.

Dalla ricerca emerge che nel solo 2013 ci sono stati oltre 600mila imprenditori stranieri, ossia 3,5 milioni di contribuenti. “Purtroppo l’informazione italiana trascura ancora il contributo economico dell’immigrazione al nostro sistema nazionale, focalizzando la narrazione soprattutto sui fatti di cronaca e sugli sbarchi”, ha sottolineato Di Pasquale.

Nonostante la crisi, i 2,4 milioni di lavoratori stranieri (con un tasso di occupazione del 57,1%) rappresentano il 10,8% del totale dei lavoratori. Vita.it sottolinea che i 123 miliardi prodotti arriva per quasi il 50% dai servizi – in particolare badanti e colf – poco più del 20% dal settore manifatturiero, seguono le costrizioni. L’agricoltura è l’ultimo settore con un 3%.

“Il dibattito sull’immigrazione assume spesso toni ideologici, polarizzando la questione su posizioni inconciliabili che portano l’opinione pubblica ad essere o “a favore” o “contro” l’immigrazione. Oggi, invece, da un punto di vista strettamente economico”, hanno spiegato i ricercatori, “non si può sottovalutare l’apporto che il fenomeno migratorio genera in termini di ricchezza e sviluppo”.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17 febbraio 2015 da in Diverse con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: