Associazione Donne Romene in Italia – A.D.R.I.

Associazione Donne Romene in Italia – A.D.R.I.

Veronica Tomassini: vi racconto la vera storia di “Sangue di cane/UN ANNO DA ESORDIENTE di Veronica Tomassini

 

Ho un libro in testa

15SET
2011

Veronica Tomassini: vi racconto la vera storia di “Sangue di cane”

UN ANNO DA ESORDIENTE di Veronica Tomassini

 

Non sono più un’esordiente, lo sono stata per un anno, esattamente un anno e cinque giorni. Era il 10 settembre del 2010 quando mi presentai ufficialmente in libreria con il primo vero romanzo (Sangue di cane, Laurana Editore, nda). Ed entravo nel significato – per me un aggettivo come un altro – con la giusta ignorante incoscienza. Era un anno speciale, era proprio l’anno dell’esordiente, ed io non lo sapevo. Quel testo aveva girato parecchio, era inclassificabile, così sembrava in apparenza.Ricordo la volta in cui incontrai Giulio Mozzi, a Catania. Era venuto apposta, era l’estate del 2008. L’appuntamento era fissato a piazza dell’Elefante. A me non sembrava vero. Perché diavolo mi aveva dato retta, pensavo. Giulio Mozzi, scrittore, consulente per Einaudi Stile Libero, riceveva qualcosa come mille manoscritti al mese. Me lo aveva riferito un amico scrittore. Giulio Mozzi è un talent scout. Volete dei nomi? Mariolina VeneziaTullio AvoledoDemetrio PaolinLaura Pugno. Li ha scoperti lui.

Gli avevo spedito una mail davvero patetica, un piagnisteo a tutti gli effetti. Ma a Giulio piacque qualcosa, perché poi decise di venire in Sicilia. Oggi vi posso confidare che prese un volo dell’alba e che l’atterraggio non è stato dei migliori. Oggi vi posso dire che il suo talento è anche nell’ascoltare, ha uno sguardo mite, ma deciso, sa già tutto, non interviene, lascia che sia tu a parlare, e se trovi una strada, che forse è una soluzione, ti accorgi che è lui ad avertela suggerita, che non ci avevi mai pensato, ed era lì invece. Non è che parlassi di libri, quel giorno. Fu la mia vita, quel che intercettò della mia vita, a meritare il suo interesse (mi va di usare proprio questo verbo: meritare). Così prendemmo un gelato, seduti al tavolo di un baretto vicino piazza dell’Elefante. Ci venne incontro un bambino, un rom, rom rumeno di stanza nel quartiere di San Cristoforo (conosco un po’ dell’argomento). Ci venne incontro. Mi pare avesse una piccola fisarmonica, i rom hanno un senso della musica straordinario, lo diceva pure Liszt. Abbracciai e baciai questo bambino, riconoscendo in lui mio figlio come mi capita spesso, attitudine di madre abbastanza comune, immagino, ad altre donne. Giulio mi osservava. Il bambino disse: voglio una coperta. Ho riso, abbastanza scioccamente, e feci la promessa: “Va bene, te la porto domani” (una coperta in estate?). Promessa che sapevo non avrei potuto mantenere, abitando a cento chilometri di distanza da piazza dell’Elefante. Non me ne curai. Giulio sì. Giulio comprò la copertina e l’indomani attese quel bambino, in piazza dell’Elefante. Quel bambino ebbe la sua coperta.

Non farò più promesse, giuro. E mentre, ignara, mi appressavo al mio futuro da esordiente, un bambino rom rimediava la sua coperta della sera. Non facevo distinzione tra l’una cosa e l’altra, non riflettevo sulla distanza (non geografica ma morale) tra le mie necessità e quelle del bambino rom, anzi tra la necessità del bimbo e la vacuità delle mie aspirazioni. Giulio sì. Io diventai un ‘esordiente. Giulio Mozzi si prese cura di entrambi, senza batter ciglio, si prese cura di me e di quel bambino. Due anni dopo ho esordito. Quel bambino: non lo so, non so in quale campo, in quale orribile vita sia finito. Ho ancora vergogna di me, della mia leggerezza. Oggi è un anno che faccio l’esordiente. Un anno e cinque giorni.

http://hounlibrointesta.glamour.it/2011/09/15/veronica-tomassini-vi-racconto-la-vera-storia-di-sangue-di-cane/

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 3 giugno 2012 da in Amici/Sostenitori con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: